Sbiancamento pro e contro

 In Senza categoria

Lo sbiancamento dentale è una procedura che permette di migliorare il colore dei denti rendendoli visivamente più bianchi. Infatti i denti in natura si presentano in diverse tonalità di colore e di norma ci si rivolge al proprio dentista per capire quando è necessario effettuarlo.

Lo specialista grazie alle tecniche, alle strumentazioni e ai prodotti all’avanguardia può aiutare i proprio pazienti a migliorare l’estetica del loro sorriso.

Per riportare il colore dei denti al bianco e alla luminosità originaria, è possibile scegliere tra diverse tipologie di trattamenti sbiancanti rapidi e non invasivi.

In cosa consiste il trattamento?

Il trattamento professionale deve essere effettuato in ambulatori dentistici direttamente dall’odontoiatra o dall’igienista dentale. La tecnica principale è il così detto bleanching, cioè il trattamento effettuato mediante l’uso di sostanze chimiche sbiancanti che possono essere attivate o meno da eventuali sorgenti luminose (come avviene nello sbiancamento con il laser).

Le sostanze chimiche utilizzate, più diffuse, sono a base di perossido di idrogeno o di perossido di carboamide. Il primo viene applicato sulla superficie dentale e necessita di una o più sedute. Il secondo è messo a contatto con i denti attraverso mascherine personalizzate lasciate in posa circa 40 minuti. In alcuni casi l’azione di queste sostanze può essere potenziata attraverso l’uso di laser.

Durante il trattamento sulla superficie del dente avvengono delle reazioni di ossido-riduzione che scompongono le molecole delle macchie in composti più piccoli, incolori e facilmente eliminabili.

Vantaggi dello sbiancamento

  • Per molte persone l’estetica è molto importante e quindi avere un sorriso candido e smagliante può fornire motivazioni psicologiche per farle sentire a proprio agio. Questo fattore è molto importante soprattutto tra i giovani.
  • Lo smalto dentale tende a peggiorare con il passare degli anni e ad assumere una colorazione che tende al giallo dando l’impressione di scarsa igiene orale. Per questo lo sbiancamento può risultare molto utile.
  • I prodotti utilizzati sono totalmente sicuri.
  • Effetto visibile immediatamente e migliora nei giorni successivi.

Svantaggi dello sbiancamento

  • I denti hanno un colore genetico che sarebbe buona norma non modificare qualora non ci siano motivazioni particolari.
  • Sebbene il trattamento sbiancante sia sicuro ci possono essere degli effetti collaterali tra i quali sensibilizzazione, disturbi e fastidio.
  • Non tutte le macchie possono essere eliminate con trattamenti di sbiancamento.
  • Il trattamento ha un’efficacia che è soggettiva e i risultati non soddisfano sempre le aspettative desiderate.
  • Il trattamento ha una durata che va dai sei mesi ai tre anni. Dopo di che va ripetuto.

Come comportarsi dopo lo sbiancamento?

In seguito allo sbiancamento è necessario prestare attenzione ai cibi e alle bevande che si assumono. Tra questi è importante evitare:

  • Caffe, the, vino, bevande pigmentate;
  • Vegetali colorati;
  • Cioccolato e liquirizia;
  • Cibi e bevande acidi.

Tra altri accorgimenti per proteggere i denti dopo lo sbiancamento ricordiamo:

  • Seguire una dieta a base di elementi bianchi e poco colorati;
  • Prestare attenzione all’igiene orale;
  • Evitare il fumo.

 

 

Per qualsiasi informazione ci potete trovare nella nostra sede
via Cardinale Maurilio Fossati 5/C (angolo corso Peschiera) a Torino
numero +39011389278
mail a clinica@mydentalfamily.it

Post suggeriti
sbiancamentoEcosistema bocca