Saliva, le proprietà

 In Curiosità sulla salute orale

La saliva è il secreto delle ghiandole salivari e svolge un ruolo molto importante all’interno del cavo orale. Infatti è composta da sostanze ed enzimi che determinano un pH neutro. Esso si aggira intorno ad un valore di 7. Se il valore diventa troppo alto si può arrivare ad una erosione dei denti che può essere ridotta grazie al consumo di cibi ricchi di arginina come carne e pollame. Inoltre, qualora il pH fosse alterato sarebbe sintomo di scarsa igiene orale o assunzione di bevande e cibi troppo acidi.

Le funzioni della saliva sono molteplici, tra le principali vi sono:

  • Inizio della digestione: essa contribuisce alla formazione del bolo;
  • Lubrificazione della cavità orale: facilita la deglutizione e la fonazione creando uno strato protettivo sulle pareti del cavo orale.

 

Proprietà curative

Oltre alle funzioni sopra citate, la saliva presenta anche proprietà protettive e curative. Tra queste:

  • Contribuisce all’igiene orale: essa permette di eliminare i residui di cibo tra i denti e di contrastare la carie;
  • Protegge dai microorganismi: ad esempio, il lisozima e le immunoglobuline sono dannosi poiché, se presenti all’interno della bocca, portano alla formazione della placca e delle carie;
  • Crea una pellicola protettiva per i denti: alcune sostanze, come gli acidi, rovinano lo smalto dentale e, per questo, le gengive e la mucosa orale svolgono una funzione di protezione da quest’ultimi. Le sostanze acide(bevande, succhi di frutta, coca cola, ecc), infatti, sciolgono il calcio, il fosfato e il fluoruro dello smalto. La saliva agisce, in difesa dei denti, attraverso un’azione di tamponamento degli acidi grazie alla presenza del bicarbonato della sua composizione. La pellicola protettiva non impedisce ai minerali essenziali di attraversarla ma consente l’apporto di calcio e fluoruro essenziali per remineralizzare lo smalto dentale.
  • Accelera il processo di guarigione delle ferite.

 

Malattie derivanti dalla saliva

A causa della saliva possono insorgere alcune patologie, ad esempio:

  • Carie dentali: quando l’ambiente della bocca è troppo acido, o a causa degli alimenti ingeriti o per la presenza della flora batterica alterata;
  • Tartaro: in presenza di una saliva con pH alcalino, i sali minerali della saliva e del cibo si depositano facilmente formando una patina batterica che si mineralizza e genera il tartaro.
  • Xerostomia: presenza di poca saliva. Essa è dovuta a lesioni o malattie delle ghiandole salivari, ed esempio per l’uso di farmaci, disturbi psicologici o malattie come gli orecchioni. A volte, può essere determinata da una disidratazione generale dell’organismo;
  • Scialorrea: determina un eccessivo accumulo di saliva nella cavità orale, dovuto spesso ad un’ipersecrezione salivare. Nell’ambito odontoiatrico, si può manifestare nei pazienti durante gli interventi tanto da costringere l’odontoiatra ad aspirare continuamente la saliva dalla bocca del paziente.

 

L’analisi della saliva può, quindi, rivelare molto sullo stato di salute di una persona e della sua bocca. Gli esperti consigliano, infatti, di avere una corretta igiene orale e prestare molta attenzione ai segnali derivanti dalla saliva.

 

Per qualsiasi informazione ci potete trovare nella nostra sede

Via Cardinale Maurilio Fossati 5/C (angolo corso Peschiera) a Torino

numero: +39011389278

mail: clinica@mydentalfamily.it

 

Post suggeriti
pulire la linguaPronto soccorso dentistico