E se i denti si muovono?

 In Senza categoria

I denti sono tra gli elementi più duri e resistenti del nostro corpo, ma non sono completamente ancorati all’osso. Infatti si trovano in una complessa struttura chiamata parodonto che conferisce una certa mobilità dei denti, in particolare durante la masticazione. Può quindi risultare normale un leggero movimento, ma essendo quasi impercettibile, nel momento in cui si inizia ad avvertire, la scelta migliore è sicuramente una visita specialistica così che possa eliminare ogni preoccupazione.

Cause

Nonostante il naturale movimento fisiologico, il fenomeno spesso può preannunciare un malessere più importanti. Le patologie principali:

  • Parodontite
  • Gengivite
  • Apparecchi ortodontici
  • Bruxismo
  • Traumi
  • Menopausa
  • Infezione
  • Stress masticatorio elevato

In particolare la parodontite detta anche piorrea si ha quando le gengive sono fortemente infiammate andando a creare un solco e distruggendo il legamento. Iniziano così ad accumularsi nel solco i batteri e il dente perde il suo sostegno principale fino alla caduta.

Inoltre l’eccessivo movimento dei denti può variare la loro posizione rispetto a quella naturale.

Nel caso invece di fenomeni come il bruxismo, le continue sollecitazioni a cui è sottoposto l’osso rischiano di provocarne un aumento della mobilità. Questo può accadere anche in casi particolari in cui i denti subiscono forti traumi per esempio durante un incidente o una caduta.

Esiste una soluzione per la mobilità dei denti?

Grazie alla figura dell’odontoiatra specializzato in questo settore, nella maggior parte dei casi, si riesce a trovare il trattamento più idoneo al paziente cercando di sacrificare solo ciò che è strettamente necessario.

Dopo una radiografia panoramica, un’accurata pulizia professionale e un attento controllo dell’indice di sanguinamento e di placca batterica si può procedere con il trattamento.

Per i denti anteriori spesso si ricorre ad un trattamento che blocca la mobilità attraverso una fibra e un materiale da otturazione.

Nel caso della parodontite si interviene i metodi cambiano in base alla gravità della situazione. Si può levigare la parete radicolare così da rimuovere il tessuto infetto e i batteri oppure procedere con l’intervento parodontale. Con quest’ultimo si va a ripulire la parte infetta molto in profondità attraverso un’incisione nella gengiva.
Si può inoltre intervenire con la decontaminazione e biostimolazione tramite un’apparecchiatura laser.

Per qualsiasi informazione ci potete trovare nella nostra sede

Via Cardinale Maurilio Fossati 5/C (angolo corso Peschiera) a Torino

numero: +39011389278

mail: clinica@mydentalfamily.it

Post suggeriti
ANESTESIA TOTALE E SEDAZIONE COSCIENTEcattiva masticazione